Functional Training Magazine

FUNCTIONAL TRAINING EXPERIENCE – Le testimonianze dirette sul WTA Functional Training System.

Posted on

Share this on anywhere you want!

Questa rubrica si compone di tre sezioni:

1) Le esperienze dirette dei Functional Trainer WTA;
2) EDUCATIONAL EXPERIENCE. Le testimonianze dirette a caldo di alcuni dei partecipanti ai corsi di formazione WTA.
3) Le esperienze dirette dei clienti ed atleti seguiti dai Functional Trainer WTA;

Sezione 1: Le esperienze dirette dei Functional Trainer WTA.

 

FUNCTIONAL TRAINING PER IL RUGBY
WTA Coach Michele Maiullari (Santeramo in Colle – Bari)

 

WTA-Coach-Michele-MaiullariMi occupo da circa due anni della preparazione atletica della squadra di Rugby del miopaese, l’ASD Falchi Rugby di Santeramo in Colle (BA), squadra che milita nel campionato di serie C Puglia-Basilicata.

Nel mio primo anno ho allenato la squadra presso la mia ASD Energym, ed essendo specializzato del training classico della sala pesi, ho cercato sempre di allenarli al massimo delle mie competenze con manubri e bilancieri, seguendo il metodo utilizzato nelle arti marziali da me praticate dall’età di 14 anni (quali Kung Fu, Capoeira, Muay Thai).
Dal 2013 ho avuto il piacere di avvicinarmi al Functional Training presso una palestra di Bari, per poi successivamente conoscere la WTA e specializzarmi coi loro corsi di formazione.
Il metodo WTA ha la finalità di insegnare l’utilizzo del proprio corpo in salute, sia con il Functional Training, con l’utilizzo di attrezzi (kettlebell, flying, flowbag, med ball, ecc), sia con il Primitive Functional Movement (allenamento a corpo libero, mirato alla mobilità articolare e muscolare, eseguita a terra ideato dal Master Emilio Troiano).
Da quando adotto il metodo WTA con gli atleti del Rugby ho notato una prestazione atletica in campo ad alto livello per tutta la durata della partita, riscontrando al tempo stesso meno sovraccarichi musco-articolari nella giornata seguente, cosa che non avveniva l’anno precedente quando non conoscevo il WTA Functional Training System.
Sintetizzando, è stato introdotto un metodo professionale nella preparazione atletica degli sportivi, spesso sottovalutata negli anni precedenti in quanto legata al fatto di disputare un campionato non-professionistico.
Tali miglioramenti sono dovuti alla conoscenza del proprio corpo e all’utilizzo nella totalità, riuscendo in tal modo ad essere veloci, stabili e dinamici nella corsa finalizzata alla meta e più forti e impattanti nella spinta in mischia ordinata.
Dalla mia esperienza professionale quello che posso affermare è che il metodo WTA è indicato non solo per migliorare le performance in tutti gli sport o arti marziali, ma anche per chi vuole ritrovare la propria forma, dai bambini ai ragazzi sino agli adulti, poiché ritrovare la propria condizione di forma ottimale è sinonimo di salute e di miglioramento dell’ autostima.

FUNCTIONAL TRAINING PER LA PALLACANESTRO
WTA Trainer Tommaso Francesco Rizzacasa (Livorno)

Con molto piacere riporto la testimonianza sulla mia esperienza col WTA Functional Training poiché ritengo sia la base fondamentale per uno sviluppo migliore delle nostre prestazioni sportive e non solo.
Da 2 anni a questa parte ho conseguito il titolo di Functional Trainer presso la Wta Functional Training col Maestro Emilio Troiano, ho 25 anni, sono laureato in Scienze Motorie presso l’Università degli studi di Firenze e nella vita sono un istruttore in sala pesi, Personal Trainer, preparatore fisico e giocatore semi professionista di Pallacanestro.FUNCTIONAL-TRAINING-PALLACANESTRO

Mi divido il lavoro tra Livorno e Pisa ed applico costantemente, sia negli allenamenti personali che nei clienti e nei ragazzi che alleno, il metodo Functional Training appreso nei miei corsi di formazione presso la WTA Functional Training Academy. Mi sono affacciato al Functional Training circa 3 anni fa, poiché ho avuto un’esperienza sia di lavoro che di sport in Germania, e ho continuato a formarmi su tale metodica di allenamento attraverso la guida del Maestro Emilio Troiano.

Attualmente applico tale sistema di potenziamento fisico (e non solo) su me stesso, al lavoro e nel Basket ottenendo grandi risultati sia dal punto di vista della prestazione, che da quello della prevenzione di infortuni. Ad oggi infatti non si sono ancora manifestati problemi di questo tipo nelle formazioni di pallacanestro di cui mi occupo, in particolare quella degli Under 19 della Libertas Liburnia Basket Livorno che seguo in modo specifico. Uso indifferentemente ogni tipo di attrezzo funzionale, in particolare la Medical Ball, la Gymball e il Flying, abbinando la funzionalità degli esercizi ad un lavoro sia esplosivo che di resistenza (le due caratteristiche principali dello sport con la palla a spicchi). Eseguo sempre programmi dove alleno tutte le catene cinetiche senza soffermarmi troppo su determinati gruppi muscolari o su altri.
Presso Suite 48 a Pisa invece (palestra dove lavoro) applico il Metodo WTA Functional Training molto più per il recupero posturale che per un potenziamento vero e proprio, poiché la nostra clientela è costituita principalmente da persone che ricercano maggiormente il benessere generale. Utilizzo infatti molto il Flyng per migliorare o recuperare situazioni di deficit posturali dovuti ad atteggiamenti sbagliati riportati durante la vita quotidiana o dovuti a traumi ed infortuni. Ma soprattutto utilizzo questo strumento per l’incremento della mobilità articolare là dove viene a mancare (abbinata a degli esercizi di Primitive Functional Movement appresi nei corsi seguiti con il Maestro Troiano).
Consiglio vivamente questa metodica di allenamento perché applicabile a tutte le strutture fisiche, dall’atleta alle persone anziane senza distinzioni. Grazie all’ausilio di strumenti propriocettivi e non, esso è la base per il recupero di molti schemi motori che si vanno perdendo nel corso della nostra evoluzione ed è la chiave di volta per permettere a noi di stessi di percepire meglio il nostro corpo ed esserne più padroni.

FUNCTIONAL TRAINING PER IL GOLF
WTA Trainer Giorgio De Pieri (Torino)

Mi chiamo Giorgio De Pieri  e sono un Atleta professionista nonchè Maestro di Golf, Dott. in Scienze Motorie e Sportive ed Istruttore di Functional Training WTA. WTA Trainer Giorgio De Pieri

Per quanto mi riguarda la preparazione atletica nel golf è cambiata totalmente da quando ho iniziato a lavorare con il WTA Functional Training. L’utilizzo dei kettlebell, delle clubs, del flying, delle palle mediche, della flowbag e del Primitive Functional Movement mi permettono di allenare più efficacemente la mobilità e la forza veloce, indispensabili nella mia disciplina. Inoltre ho riscontrato una notevole diminuzione degli infortuni. Lo consiglio veramente a tutti i praticanti di golf ad ogni livello.

 

 

WTA FUNCTIONAL TRAINING: LA SCOPERTA DEL CORPO E DELLE SUE CAPACITA’
WTA Trainer Daniela Di Cosmo (San Giovanni Rotondo – Foggia)

…tutto iniziò circa sei mesi fa…daniela-di-cosmo
Apprendere la filosofia del WTA Functional Training mi ha sconvolto, mi ha fatto rimettere in discussione tutto ciò che pensavo di sapere e sono crollati tanti falsi miti!
Sin dalla prima lezione di Flying tenutasi nella mia palestra  mi sono entusiasmata molto, dicevo al mio istruttore (un Trainer certificato WTA),“mi piace l’idea di allenarmi utilizzando tutto il mio corpo”. Ma non solo mi sono resa conto di quanto non lo  conoscessi, riuscire a contrarre i giusti muscoli posizionarsi correttamente e poi quando ero già sfinita potevo iniziare l’esercizio…

Così decisi di frequentare il corso Istruttore di Flying, ho cercato su internet e ho trovato il sito WTA…così è iniziata la mia avventura…
I concetti che più hanno colpito la mia attenzione sono stati due: il primo è che il metodo WTA abolisce l’utilizzo delle macchine, l’unica macchina che viene impiegata è il nostro stesso corpo, questa scoperta è straordinaria! Il secondo è che nell’ allenamento funzionale non si parla di muscoli (isolamento muscolare tipico sala attrezzi) ma di movimenti realizzati grazie alla contrazione di più gruppi muscolari.
Dopo la mia prima formazione ho scoperto che il nostro corpo è una grandissima risorsa e che non esistono  limiti se non quelli imposti da noi stessi, con le giuste tecniche di allenamento e  tanta buona volontà si possono raggiungere grandi obiettivi.
Ho capito che un allenamento non può essere improvvisato, lasciato al caso ma deve essere ben pianificato, bisogna sempre sapere quale sarà l’obiettivo di quell’allenamento.
Un altro aspetto che mi ha stupito degli insegnamenti del Master Emilio Troiano e che non esistono programmi fissi, una volta apprese le tecniche di base delle varie discipline si possono creare innumerevoli schede di allenamento adattabili al singolo soggetto!
Determinato il proprio obbiettivo occorre applicare le strategie più efficaci per poterlo raggiungere, programmando la giusta combinazione di esercizi.
Dopo la formazione non ho  più toccato una macchina  in palestra, sono molto più attenta alla postura, a capire quali muscoli devo attivare per l’esecuzione degli esercizi, a perfezionare la tecnica  degli esercizi più che essere concentrata sul numero di ripetizioni come solitamente facevo.
Sto acquisendo più consapevolezza delle potenzialità del mio corpo, il bello è che non ci si arriva mai, perché si ha sempre voglia di migliorare!
Mettere in pratica questa filosofia di allenamento non è semplice, bisogna essere convinti, c’è bisogno di tanto lavoro sia fisico che mentale!
Oggi sono una istruttrice di Flying e di Primitive e per il momento sto cercando di mettere in pratica nei miei allenamenti ciò che ho appreso nei corsi di formazione!
Pur avendo una brevissima esperienza con l’allenamento funzionale, penso che il Primitive sia la base del funzionale, ancor più in questa disciplina il corpo è il vero  motore e protagonista di tutto!!
Sapere che si possono raggiungere grandi obiettivi facendo esercizi a corpo libero è meraviglioso!
Ho voglia di acquisire sempre più competenze e consapevolezza sull’allenamento funzionale, voglio formarmi e migliorare.

 

Sezione 2:  EDUCATIONAL EXPERIENCE
Le testimonianze dirette a caldo di alcuni
dei partecipanti ai corsi di formazione WTA.

 

Corso Istruttore di Functional Training del 18 e 19 Gennaio 2014 a Padova.

Corso-Istruttore-Functional-Training-18-19 Gennaio-2014-Padova

  • Vittorio Casamassima (Studente Scienze Motorie ed Istruttore di Pilates- Chiari, BS)
    “Un corso illuminante, apre la mente sul concetto di allenamento funzionale. Ti fa capire realmente sul tuo corpo, come si deve muovere, utilizzandolo in modo corretto. Corso veramente efficace e completo anche per la preparazione atletica di qualsiasi sport.”
  • Erika Piemontesi (Istruttrice corsi e sala pesi – Trieste)
    “Valido e interessante, per cambiare completamente la visuale sul metodo di allenamento e di scelta degli esercizi al fine di raggiungere dei risultati ottimali sia per quanto riguarda la preparazione atletica ma soprattutto per una persona che vuole raggiungere e mantenere una sana forma fisica e di salute.”
  • Renato Bertoli (Istruttore sala pesi e Massaggiatore – Bergamo)
    “Senza dubbio interessante ed innovativo. Ottima la professionalità del docente e dei suoi collaboratori. Interessante sia dal punto di vista pratico ma anche teorico. La cosa che senza dubbio lo contraddistingue da qualsiasi altro tipo di allenamento è l’attenzione al corpo, la cura della postura e della tecnica che permette di ottenere risultati non solo nell’ambito della preparazione ma anche del benessere per la salute della persona.”
  • Alberto Nardelloto (Personal Trainer – Mogliano Veneto, TV)
    “Mi sono avvicinato al Funzionale quasi per caso, stanco della solita sala pesi, dopo aver visto video ed essermi improvvisato “atleta” ho provato a copiare dai video. Tanti, troppi errori (sentendomi dolori strani) per cui ho deciso di partecipare a questo corso per migliorarmi e poter far provare a tutte quelle persone che come me vogliono cambiare e migliorare.”
  • Giuliano Piana (Agente di commercio – Caravaggio, BG)
    “Corso molto interessante e ricco di dettagli tecnici. Mi è piaciuto particolarmente il fatto che la stessa disciplina è utile per vari aspetti, il miglioramento della forma fisica, della postura e del recupero post traumatico oltre che l’allenamento per la prevenzione degli infortuni. Veramente un corso poliedrico.”
  • Moreno Toffoli (Impiegato tecnico, Atleta di Kick Boxing, Istruttore di Palestra – Codroipo, UD)
    “E’ un corso che apre una visione diversa su quelle che sono le funzioni e le potenzialità del nostro corpo, propone esercizi ed utilizza attrezzi che mirano veramente a migliorare lo stile di vita, inoltre, semplicemente praticando questo tipo di allenamento ci si rende conto da subito della sua utilità.”

Corso Istruttore di Functional Training del 15 e 16 Febbraio 2014 ad Ivrea (Torino).

Corso-Istruttore-Functional-Training-15-16Febbraio2014

  • Davide Finotti (Studente Scienze Motorie – Torino)
    “Il corso mi ha completamente stravolto le idee e i concetti che avevo in mente sia in materia di postura nella vita quotidiana sia in materia di preparazione all’ allenamento. Tutti argomenti mai affrontati prima né all’Università che in nessun altro tipo di corso. Sono orgoglioso e onorato di poter imparare questi nuovi schemi motori.”
  • Manuel Giuseppe Lallai (Impiegato ed Atleta di Muay Thai – Ivrea, TO)
    “Ho trovato molto utile questo corso. Mi ha chiarito diversi concetti sull’ esecuzione corretta dei movimenti in quanto nonostante conoscessi i vari attrezzi del functional training e gli esercizi svolti con essi, non effettuavo correttamente i movimenti. Nell’esecuzione corretta ho notato giovamento e resa migliore. Questo sicuramente porterà una crescita mia personale da atleta e potrò trasmetterlo a chi vorrà il mio supporto.”
  • Igor Vercellinato (Studente Scienze Motorie, Istruttore Sala Pesi, Personal Trainer, Preparatore Atletico – Burolo d’Ivrea, TO)
    “Sono uno studente di Scienze Motorie, Preparatore Atletico nel Calcio e Istruttore di Sala Pesi. Reputo questa formazione un tassello importante nella mia formazione perché il docente è stato in grado di ricordarmi e riportare alla luce esercizi che nel mio corso di studi all’Università sono stati trascurati. Spero di poter partecipare ad altri corsi. La mia mente è aperta. Grazie.”
  • Luca Pagani (Fisioterapista, Preparatore Atletico nel Ciclismo – Brescia)
    “Il corso appena frequentato in poche parole è illuminante perché venendo dal professionismo nel ciclismo ed aver effettuato preparazioni di ogni genere, con questo corso sono stati rivoluzionati numerosi concetti fondamentali.”
  • Pier Carlo Viletto (Tecnico Informatico, Istruttore Thai Boxe – Ivrea, TO)
    “A mio giudizio corso molto interessante, formativo. In 16 ore si è avuta una formazione molto buona su esercizi nuovi per me che ho sempre frequentato la palestra pesistica. Penso che d’ ora in poi lascerò da parte le macchine ed inizierò a lavorare e a far lavorare i miei clienti con il metodo WTA Functional Training.”
  • Massimiliano Zinna (Personal Trainer – Garlasco, PV)
    “Corso interessante, sicuramente da approfondire con altri corsi e master specifici, che offre un nuovo punto di vista dell’allenamento globale che permette di sviluppare e risvegliare quelle capacità fondamentali nella vita di tutti i giorni e nella pratica sportiva ad ogni livello. Possibilità di sviluppo infinite.”

 Corso Istruttore di Kettlebell Training 1° livello del 22 e 23 Febbraio 2014 a Padova

Corso-Istruttore-Kettlebell-Training-1-livello-22-23-Febbraio2014-Padova

  • Omar Gerbelle (Venditore ed Atleta di MMA – Aosta)
    “Mi ha dato un punto di vista nuovo che mi ha aiutato a comprendere che alcuni concetti tradizionali dell’allenamento classico sono completamente sbagliati. Mi ha anche permesso di conoscere alcune dinamiche biomeccaniche a me sconosciute.”
  • Claudio Andreani (Personal Trainer – Volta Mantovana, MN)
    “Molto professionale come di rado, purtroppo mi è capitato di vedere e provare, diverso dai soliti distributori di diplomi. Disciplina per me molto impegnativa, provenendio dall’allenamento isotonico classico. Avevo già frequentato un corso di allenamento funzionale dove pensavo mi avessero insegnato qualcosa ma mi sono reso conto di aver solo perso tempo e denaro! Ottima esperienza, complimenti.”
  • Daniele Sanna (Istruttore – Rovigo)
    “Dopo 15 anni passati sotto manubri e bilancieri, ho conosciuto un nuovo lavoro molto più completo ed utile per la mia persona, per le mie problematiche fisiche. E’ stato difficile confrontarsi con la coordinazione fino ad ora poco considerata. Docenti molto qualificati e disponibili.”
  • Lia Nunziante (Personal Trainer – Cava de Tirreni, SA)
    “Il corso di kettlebell da me appena frequentato da ulteriore conferma di quello che è l’intero percorso formativo della WTA: serietà, professionalità, tecnica e pratica che risultano essere strettamente correlate tra loro . Due giorni di intensa formazione che riesce a conferire solide basi per l’approccio al kettlebell. Piena stima per la WTA e per tutta la formazione che è in grado di trasferire.”
  • Francesco Bono (Istruttore Arti Marziali – Mondovi’, CN)
    “Ottimo corso basato su ciò in cui credo fortemente e mi rendo sempre più conto dell’importanza della mobilità articolare e dell’adeguata conoscenza tecnica nell’utilizzo degli attrezzi e del proprio corpo, oltre che una conoscenza della metodica di insegnamento e programmazione.”
  • Emanuele Cappelletto (Sistemista Informatico – Treviso)
    “Il Corso mi ha aiutato a capire le mie lacune relativamente all’allenamento con le kettlebell. Il Docente è riuscito a farmi capire come si può usare il metodo funzionale e l’enorme potenziale di questa tipologia di allenamento. La sensazione che ho avuto fin dal primo giorno del corso è di una stanchezza generale ma anche di benessere fisico generale.”
  • Giovanni Parlato (Personal Trainer e Preparatore Fisico Calcio – Monselice, PD)
    “Da qualche mese ho mosso i primi passi verso la conoscenza dell’allenamento funzionale, della sua enorme importanza ed utilità nella preparazione atletica, nel recupero funzionale post-traumatico e riatletizzazione, nel riequilibrio posturale di una persona. L’allenamento con le kettlebell rappresenta parte di questo nuovo modo di interpretare l’allenamento, la preparazione fisica, che molto si discosta dal bodybuilding, il quale per anni ha riempito le palestre, le riviste sportive e i centri sportivi. Questa nuova concezione di interpretare l’allenamento (basato sul movimento) mi affascina non poco.”
  • Rudi Pavan (Personal Trainer – Pordenone)
    “In questi due giorni sono state trattate tematiche molto interessanti sia sulla mobilità articolare sia nella vera e propria esecuzione degli esercizi con il kettlebell.”
  • Michele Biglioli (Istruttore – Romano di Lombardia, BG)
    “E’ stato molto interessante, ricco di contenuti pratici e teorici. Il mio obiettivo è curare le varie lacune che ho nell’esecuzione degli esercizi coi vari attrezzi e in questi due giorni ho capito i miei vari errori. Grande Emilio, Grande WTA!”
  • Samuele Rosso (Personal Trainer – Cittadella, PD)
    “Sempre denso e ricco di particolari tecnici e con grande disponibilità. Il Master Trainer Emilio Troiano segue ed insegna a tutti gli allievi i principi e le caratteristiche del metodo WTA. Grande qualità, professionalità ed umiltà.”
  • Pietro Sabbatucci (Geometra – Matelica, MC)
    “Ennesima conferma della professionalità del Docente. In due giorni si riesce ad acquisire un’ottima base della tecnica per proseguire il lavoro presso le proprie palestre.”
  • Giovanni Luca Gugliotti (Responsabile tecnico ed Istruttore Nuoto – Sasso di Castaldo, PZ)
    “La cosa sorprendente ed indispensabile è che appena pensi di aver imparato qualcosa, bastano due sagge parole del Master Emilio, per farti rendere conto di non sapere nulla. Ciò ti spinge ad approfondire e ad allenarti più intensamente per colmare le tue lacune. Bisogna capire di essere piccoli per poter diventare grandi! Grazie.”
  • Simone Boffini (Istruttore – Bergamo)
    “Ottimo corso, come i precedenti che ho frequentato con la WTA. Docente ed Assistenti molto professionali ed altamente qualificati, soprattutto nella cura dei dettagli. Come sempre torno a casa con un ottimo bagaglio tecnico.”
  • Filippo Martinelli (Istruttore Sala Pesi – Verona)
    “Corso molto interessante e ben articolato, condotto da un Docente molto preparato, pignolo e molto attento. Bravi anche i suoi collaboratori.”
  • Antonio Salvati (Operaio – Castel San Giorgio, SA)
    “Un corso molto completo, sia nella parte teorica che nella parte pratica. Molto dettagliata la parte dell’esecuzione degli esercizi. Anche se dura solo due giorni, si è in grado di comprendere i concetti fondamentali. E complimenti ad Emilio per la sua professionalità.”
  • Piero Pucali (Istruttore – Trieste)
    “ E’ stata un’esperienza che mi ha aiutato a comprendere i miei punti deboli su cui poi lavorare per migliorarmi.”

Sezione 3: Le esperienze dirette dei clienti ed atleti seguiti dai Functional Trainer WTA

  • Arianna Giaché (Cliente del WTA Coach Mauro Macchia di Osimo, Ancona)
    “Mi chiamo Arianna Giaché ho 36 anni e pratico sport da quando ne avevo 10, mi sono sempre allenata alternando periodi più o meno intensi . Mi sono affacciata all’allenamento funzionale circa un anno e mezzo fa motivata dal entusiasmo del mio istruttore che aveva intrapreso un nuovo sistema di allenamento e per la curiosità di provare qualcosa di nuovo, io sono tipo curioso mi piace sperimentare e direi che ho scelto la strada giusta per migliorarmi sia fisicamente che mentalmente.Perché l’allenamento funzionale ti migliora la postura, l’elasticità, l’equilibrio e il fisico ti cambia totalmente…il mio aspetto è migliorato tantissimo, ho avuto una trasformazione che mai avrei immaginato, ho raggiunto risultati a livello estetico ben oltre il mio obiettivo iniziale per non parlare della forza fisica, mai avrei pensato di riuscire a sollevare così tanto peso. Logicamente gli obiettivi ora sono cambiati, ecco perché mi migliora anche mentalmente, questo tipo di allenamento mi spinge ad andare oltre a sfidare me stessa a dire ce la posso fare, devo riuscire a fare quel tipo di esercizio anche se è difficile anche se le prime volte mi “massacro” anche se quando guardo l’esecuzione dell’istruttore che me lo spiega penso, sta volta mi “rompo “sul serio, oppure non ce farò mai, invece seguita dal lui non solo riesco dove non pensavo, ma vado oltre, scoprendo che con un pò di allenamento costanza e determinazione certi movimenti poi mi vengono quasi naturali, è una soddisfazione unica tutta mia, sono io che sfido e sprono me stessa nessun altro, io che vedo me allo specchio un’altra me migliorata e soddisfatta! Questo mi aiuta a migliorare corpo e mente che nella mia vita è fondamentale.Un’altra cosa per me fondamentale che mi fa adorare l’allenamento funzionale è aver trovato un preparatore bravo motivato che mi sprona a sfidare me stessa, è là a provare dove a priori penso di non riuscire, che mi spiega e mi segue passo passo per farmi capire e a fare alcuni esercizi o movimenti difficili che non mi sento in grado di fare che mi da la forza e la fiducia che magari mi manca in quel momento, che mi spinge a non mollare… e poi quando il risultato tanto atteso arrivava, la sensazione di appagamento è unica, tutta la fatica, il sudore, il dolore provato , si perché, aperta parentesi il dolore è una parte integrante di questo tipo di allenamento, io che vengo da tutt’altro tipo di allenamento, quasi totalmente aerobica, ho scoperto che il giorno dopo se solleciti muscoli poco allenati o fai movimenti nuovi o serie al massacro quasi non ti muovi, vengono premiati con il raggiungimento del tuo obiettivo. Ora ne posso creare un altro, andare avanti spronata dal mio istruttore che ti motiva con esercizi sempre più complessi ,difficili e impegnativi che mi spinge a migliorarmi ancora e ad amare sempre di più questo tipo di allenamento. Questo tipo di allenamento non ti stanca mai, ti fa venir voglia di provare e sperimentare movimenti nuovi che ti aiuteranno anche nella vita quotidiana.”
  • Antonella Orsini (Cliente del WTA Coach Evgenia Babrovskaia di Ferrara)
    “Mi chiamo Antonella Orsini ed ho iniziato ad avvicinarmi alla ginnastica funzionale grazie ad Evgenia Babrovskaia, bravissima Personal Trainer, nonché Coach della WTA Functional Training Academy. Grazie a questa disciplina ho capito che l’allenamento a corpo libero è estremamente efficace sia per l’ottenimento della riduzione del peso corporeo, che per aumentare la tonicità e la forza. Evgenia mi ha insegnato, con pazienza, (e continuerà ad insegnarmene di nuovi) i movimenti corretti degli esercizi che poi ho eseguito in palestra con costanza e dedizione, divertendomi ed acquisendo sempre più la consapevolezza che le macchine non sono indispensabili. E’ bellissimo vedere, giorno per giorno, che il corpo cambia, che diventa più forte, come del resto la mente. Consiglio a tutti di provare questo allenamento!”
  • Walter Piccardi (Cliente del WTA Master Trainer Emilio Troiano di Udine)
    “Ciao a tutti, voglio raccontare brevemente  la mia esperienza col Maestro Emilio Troiano e queste nuove tipologie di allenamento funzionale con kettlebells, clave, flying, flowbag, esercizi del Primitive Functional Movement ecc. Lo scopo del mio allenamento è di tipo riabilitativo, in quanto a causa di un incidente stradale ho riportato la lesione del plesso brachiale dx, e fatture multiple.
  • Da quando ho iniziato questo percorso  ho riscontrato piccoli ma progressivi e costanti miglioramenti e questi risultati mi hanno permesso di affrontare con inaspettato entusiasmo questa mia difficoltà. Il mio consiglio è quello di provare questa esperienza che vi darà sicuramente nuovi stimoli.”
  • Renato Di Lucia (Cliente del WTA Master Trainer Emilio Troiano di Udine)
    “Ricordo ancora quando agli inizi del 2009, dopo anni e soldi regalati a diversi specialisti del settore osteo-articolare, mi rivolsi ad Emilio per trovare un rimedio definitivo al mio mal di schiena. All’incirca dopo 2 mesi il mal di schiena era solo un brutto ricordo, finalmente potevo tornare ad allenarmi, correre, sciare, andare in bici, giocare a pallone; praticamente potevo fare qualsiasi tipo di sport senza alcun fastidio. Purtroppo durò poco perchè a ottobre dello stesso anno un banalissimo, ma con conseguenze gravi, incidente in moto, non ancora risolto, mi costrinse ad un lungo stop. Vari interventi, stampelle sempre a seguito, medicinali a go go e problemi vari mi perseguitano tutt’ora ma, continuando ad allenarmi con Emilio, mai e dico mai più ho avuto il mal di schiena. Non finirò mai di ringraziare Emilio perchè mi ha insegnato che con l’allenamento e la conoscenza di se stessi non esistono limiti che non si possono superare. Grazie ad Emilio la “WTA” è diventata il mio credo.”